Gruppo Storico Panarda

Statuto

Art.1 – Costituzione

        E’ costituita l’Associazione GRUPPO STORICO PANARDA con sede in Ciciliano e con durata illimitata

Art. 2 – Scopi

  • L’associazione è libera ed indipendente, apolitica, aconfessionale e non persegue scopi di lucro né diretto né indiretto. Gli obiettivi che si prefigge sono:
  •      La ricerca e lo studio delle antiche tradizioni artistiche, artigianali e gastronomiche del territorio di  Ciciliano e la valorizzazione delle stesse attraverso  Eventi, Manifestazioni, Convegni e pubblicazioni a mezzo stampa e/o in formato elettronico.
  •      Sensibilizzare la Comunità ed i giovani in particolare, a riscoprire e valorizzare la cultura e le tradizioni popolari di Ciciliano;
  •      Promuovere ed organizzare, anche in collaborazione con altre Associazioni, eventi e manifestazioni di carattere storico, folcloristico e sociale sul territorio di Ciciliano.
  •      Avviare collaborazioni con altre associazioni storico –culturali, presenti anche al di fuori del territorio comunale, per promuovere e favorire la conoscenza delle tradizioni folcloristiche e storiche.
  •      Stringere, attraverso le antiche tradizioni, legami di fraternità ed amicizia; sviluppare relazioni, scambi fra i Gruppi in occasioni di manifestazioni storico-culturali, folcloristiche e sportive dilettantistiche collaborando altresì con Organizzazioni, Associazioni ed Enti Pubblici o Privati;
  • Per il conseguimento dei suoi fini istituzionali l’Associazione si avvale in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei Soci.

 

 

Art. 3- Patrimonio

 Il patrimonio dell’Associazione è composto dalle seguenti voci:

  •    quote associative annuali che i soci debbono versare nella misura stabilita annualmente dal Comitato Direttivo;
  • lasciti o donazioni effettuati da privati a favore dell’associazione;
  • ricavato da raccolte di fondi in occasione della partecipazione ad iniziative e manifestazioni di vario genere organizzate in occasione di festività o fiere pubbliche;
  • eventuali contributi di enti pubblici o privati;
  • dal materiale raccolto e custodito dall’associazione o ad essa donato da terzi.

Art. 4 – Soci

Tutti i soci partecipano alla vita del Gruppo Storico Panarda secondo le proprie possibilità contribuendo alle iniziative che sono alla base istituzionale del Gruppo Storico.

I Soci si suddividono in tre categorie:

  • Soci Fondatori: tutti coloro che risultano firmatari dell’Atto Costitutivo dell’Associazione formalizzato in data XX Settembre 2015
  • Soci ordinari: sono coloro che si impegnano a mantenere viva l’attività del Gruppo Storico, in qualità di figuranti, musici e sbandieratori. Hanno diritto di voto e possono essere eletti alle cariche sociali nelle forme e nei limiti previsti dal presente Statuto e dalla legge;
  • Soci onorari: sono coloro che hanno altamente contribuito al prestigio del Gruppo Storico. Possono partecipare alle assemblee, non sono soggetti al pagamento della quota associativa ma non hanno diritto di voto attivo e passivo.
  •  Tutti i soci hanno diritto a partecipare alla vita dell'Associazione e agli associati che vogliono entrare a farne parte devono presentare domanda al Consiglio Direttivo che ha facoltà di accettarla o respingerla senza obbligo di rendere nota la motivazione. La domanda deve essere corredata dalla dichiarazione di accettazione dello Statuto e delle deliberazioni degli Organi sociali.
  • L'appartenenza all'Associazione ha carattere libero e volontario ma impegna gli aderenti al rispetto delle decisioni prese dai suoi Organi sociali, secondo le competenze statutarie, e ad un comportamento corretto sia nelle relazioni interne con altri soci ed associati che con i terzi. Tutti i soci maggiorenni possono essere eletti nelle cariche sociali. L'eleggibilità agli organi amministrativi dell'associazione sarà libera, con il principio del voto singolo e con la sovranità dell'Assemblea dei soci. Potranno essere soci dell'Associazione anche gli Enti e le altre persone giuridiche che ne condividono gli scopi.  Il numero dei soci è illimitato.
  • Ai soci non è riconosciuto alcun emolumento, a qualsiasi titolo, fatto salvo il rimborso delle spese effettivamente sostenute e debitamente documentate. In caso di richiesta di adesione all’associazione da parte di minori di anni diciotto, quest’ultimi, per partecipare alle attività e alle manifestazioni sociali, devono produrre una dichiarazione sottoscritta da chi esercita su di esso la potestà genitoriale che sollevi dalla responsabilità l’associazione.
  • I soci hanno diritto a partecipare alle attività dell'Associazione. A copertura dei costi di particolari iniziative, programmate e promosse dall'Associazione, potranno essere richieste quote di autofinanziamento straordinarie unicamente ai soci interessati ad esse.
  • Gli iscritti sono tenuti al versamento di una quota associativa annua, da intendersi quale forma di autofinanziamento il cui importo è fissato dal Consiglio Direttivo su indicazione dell’Assemblea Generale dei Soci. La qualità di socio si perde per recesso, per morosità, per esclusione. Il Consiglio Direttivo può escludere il Socio il cui comportamento venga ritenuto in contrasto con i fini, i principi o l’Ordinamento dell’Associazione. Tutti gli iscritti partecipano all’Assemblea dei Soci con diritto di voto, sono esclusi dal voto i Soci minorenni

 Art. 5 - Organi dell’Associazione

 Sono organi riconosciuti dall’associazione:

  •  L’Assemblea dei soci
  • Il Consiglio Direttivo
  • Il Presidente
  • Il Vicepresidente
  • Il Segretario
  • Il Tesoriere
  • Il Collegio dei Revisori dei Conti

 Tutte le cariche sono svolte a titolo gratuito; sono ammessi i rimborsi delle spese analiticamente documentate.

Art. 6 - L’Assemblea dei soci

È costituita da tutti i Soci che sono in regola con il versamento della quota sociale. Essa è presieduta dal Presidente o in caso di sua assenza dal Vice Presidente o dal membro del Consiglio Direttivo più anziano di età. L’assemblea Generale dei Soci è convocata dal Presidente in via ordinaria almeno una volta l’anno e in via straordinaria ogni qualvolta ve ne sia necessità o sia richiesta da almeno un terzo dei Soci iscritti. L’assemblea ordinaria si riunisce entro il mese di aprile per l’approvazione del Bilancio e per tutti i casi proposti dal Consiglio Direttivo.

Compete inoltre all’Assemblea:

  • la nomina del Consiglio Direttivo e del Presidente a mezzo di scrutinio segreto;
  • indicare gli indirizzi generali dell’Associazione;
  • deliberare sulle modifiche del presente Statuto;
  • decretare lo scioglimento dell’Associazione e la destinazione del suo patrimonio.

La convocazione dell’Assemblea è disposta tramite avviso contenente la data, l’ora, il luogo dell’adunanza e l’elenco delle materie poste all’ordine del giorno. Tale avviso dovrà essere affisso presso la Sede Sociale ed inserito, se attivo, nel sito dell’Associazione, almeno 15 giorni prima della data fissata per l’adunanza. L’Assemblea Generale dei Soci è validamente costituita, in prima convocazione, se rappresentata dalla maggioranza degli aventi diritto al voto e in seconda convocazione con qualsiasi presenza. Le sue deliberazioni, sono vincolanti per la conduzione dell’Associazione. Ogni Socio ha diritto ad un voto singolo esercitabile anche mediante delega. Ogni Socio può rappresentare per delega un solo altro Socio. La votazione avviene solitamente per alzata di mano. Su decisione del Presidente e per ragioni di particolare importanza, la votazione può essere effettuata, a sua discrezionalità, a scrutinio segreto. Il Presidente, in questo caso, sceglie fra i presente due scrutatori.

Per le modifiche al presente Statuto e per lo scioglimento dell’Associazione è necessario il voto dei due terzi dei voti presenti, convocati in seduta Straordinaria. Le deliberazioni dell’Assemblea sono annotate in apposito verbale redatto e firmato dal Segretario e dal Presidente

Art.7 - Il Consiglio Direttivo

 Il Consiglio Direttivo è composto da un numero di Consiglieri, eletti dall’Assemblea, tra  5 e 10 a cui si aggiungono Presidente, Vice Presidente, Segretario, Tesoriere e di diritto, il Sindaco pro-tempore del Comune di Ciciliano. Essi durano in carica tre anni o fino a revoca o dimissioni e sono scelti tra i Soci Effettivi. Ogni membro del Consiglio Direttivo può essere rieletto. In caso di recessione di un membro del Consiglio Direttivo gli subentrerà automaticamente il primo fra i candidati non eletti. Se per qualsiasi ragione viene meno la maggioranza dei Consiglieri, anche dopo aver inserito tutti i candidati non eletti, l’intero Consiglio Direttivo deve intendersi decaduto e occorre procedere alla sua rielezione con la Convocazione dell’Assemblea Ordinaria.

Sono compiti del Consiglio Direttivo:

  • eleggere il Presidente, Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere;
  • curare la gestione dell’Associazione secondo gli indirizzi delineati dall’Assemblea,
  • decidere sull’ammissione di nuovi Soci e sulla loro esclusione;
  • stabilire l’affidamento di mansioni specifiche ai soci ritenuti adatti a svolgere compiti particolarmente importanti;
  • disporre l’ammontare della quota annuale di iscrizione dei Soci.

 Il Consiglio Direttivo si riunisce presso la Sede Sociale o in altro luogo, tutte le volte che il Presidente lo giudichi necessario e quando ne sia fatta richiesta da almeno tre membri di esso. Di regola la convocazione è fatta almeno tre giorni prima dell’adunanza, salvo che nei casi di urgenza nei quali può avvenire telefonicamente, telegraficamente o per posta elettronica almeno un giorno prima di quello della riunione. Le riunioni sono valide senza la formalità di convocazione qualora siano presenti tutti i componenti. La convocazione del Consiglio Direttivo è ritenuta valida con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti. Le decisioni assunte saranno valide solo se approvate dalla maggioranza dei Consiglieri presenti; in caso di parità, vale il voto del Presidente. Le deliberazioni del Consiglio Direttivo dovranno risultare da apposito verbale che sarà stilato dal Segretario. Qualora un membro del Consiglio Direttivo risulti assente ingiustificato per tre riunioni consecutive, dovrà intendersi automaticamente decaduto e sarà sostituito dal primo dei candidati non eletti fino alla scadenza del naturale mandato.

Art.8 - Il Presidente

Il Presidente dirige l’Associazione e la rappresenta di fronte a terzi e in giudizio. Egli ha la responsabilità generale della conduzione e del buon andamento degli affari sociali. Al Presidente spetta la firma degli atti sociali ufficiali che impegnino l’Associazione sia nei riguardi dei Soci che dei terzi. Il Presidente sovrintende in particolare all’attuazione delle deliberazioni dell’Assemblea Generale dei Soci e del Consiglio Direttivo. Al Presidente spetta di convocare e presiedere l’Assemblea Generale dei Soci e le riunioni del Consiglio Direttivo, seguire e controllare le attività dell’Associazione, secondo le direttive e le deliberazioni assunte dall’Assemblea Generale dei Soci, nonché tutte le attività che verranno svolte dall’Associazione. In caso di assenza o impedimento temporanei del Presidente le funzioni sono svolte dal Vice Presidente. Per particolari esigenze tecnico-scientifico, può avvalersi di consulenze esterne purchè a titolo gratuito.

 Art.9 - Vice Presidente, Segretario e Tesoriere

Il Vice Presidente viene eletto tra i componenti del Consiglio Direttivo. In caso di assenza o impedimento del Presidente, lo sostituisce con pieni poteri. Il Segretario è nominato tra i soci eletti nel Consiglio Direttivo. Sono compiti del Segretario: provvedere alla gestione dell’archivio dei Soci, provvedere all’aggiornamento e alla conservazione dei Libri Sociali (dei verbali delle Assemblee Generali dei Soci e delle riunioni del Consiglio Direttivo), curare la convocazione delle adunanze e i rapporti con i Soci, curare su espresso mandato del Presidente, la predisposizione del bilancio preventivo e consuntivo, da sottoporre per l’approvazione al Consiglio Direttivo e poi all’Assemblea Generale dei Soci. Il Cassiere è nominato tra i Soci eletti nel Consiglio Direttivo. Sono compiti del Cassiere: curare la riscossione delle quote associative secondo quanto stabilito dal Consiglio Direttivo, provvedere ai pagamenti e alle competenze contabili, provvedere alla conservazione delle proprietà dell’Associazione e alla spese, da pagarsi su mandato del Consiglio Direttivo.

 Art.10 – Bilancio

 L’esercizio finanziario inizia il 1 gennaio e chiude il 31 dicembre di ogni anno con ovvia esclusione di quello in corso che inizierà dalla data odierna e chiuderà regolarmente il 31/12. Alla fine di ogni esercizio il Tesoriere e il Segretario devono formare il rendiconto economico e finanziario ed il Consiglio Direttivo deve compilare la relazione sull’andamento della gestione da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea Generale.

Art.11 - Entrate dell’Associazione

 L’Associazione dispone delle entrate elencate nell’Art.3, da versare su apposto conto corrente intestato all’Associazione sul quale potranno agire in maniera disgiunta il Presidente, Il vice Presidente (in caso di impedimenti di questi) ed il Tesoriere, con l’obbligo di rendiconto al Consiglio Direttivo nella riunione immediatamente successiva alle suddette operazioni contabili.

La quota sociale deve essere pagata entro il 30 gennaio di ogni anno ed è dovuta per tutto l’anno solare, qualunque sia il momento in cui avviene l’iscrizione.

Art.11 - Regolamenti interni

 Il Consiglio Direttivo ha il potere in via generale di produrre regolamenti interni, non in contrasto con il presente Statuto.

Art.12 - Scioglimento dell’Associazione

 In caso di scioglimento dell’Associazione il patrimonio residuo sarà devoluto in beneficenze

 Art.13 - Norma transitoria e finale

 Per tutto quanto non previsto espressamente dal presente Statuto si fa riferimento alle leggi e disposizioni vigenti in materia

Search